Medicinali ad uso umano: cosa è stato fatto nel 2019

Ultimo aggiornamento: 7 mesi fa

L’EMA ha recentemente pubblicato il riassunto di ciò che è stato fatto nel 2019 riguardo ai medicinali ad uso umano.

Ecco i numeri:

  • 30 nuovi API approvati
  • 3 valutazioni accelerate (PRIME)
  • 8 autorizzazioni condizionali
  • 1 approvazione in condizioni eccezionali
  • 7 farmaci orfani
  • 4 opinioni negative
  • 12 domande ritirate
  • 5 biosimilari
  • 1 ATMP

I medicinali approvati rientrano in diverse categorie: ematologia, infezioni, cancro, neurologia, endocrinologia, immunologia, psichiatria, uro-nefrologia, cardiovascolari, dermatologia, oftalmologia, vaccini, pneumologia, gastroenterologia, metabolici…

Contributi alla salute pubblica

Tra le autorizzazioni che hanno condotto ad importanti contributi per la salute pubblica compare un prodotto a base di cannabis per il trattamento di rare forme di epilessia infantile (Epidyolex).
Questo farmaco utilizza CBD altamente-puro come API ed è il primo prodotto a base di CBD a ricevere parere positivo nella procedura di approvazione.
Tra i farmaci di questa categoria troviamo anche:

  • un farmaco per il cancro
  • un medicinale per l’ipoglicemia severa da somministrare senza iniezione a partire dai 4 anni
  • un farmaco orale a supporto della terapia insulinica per pazienti con diabete di tipo 1
  • un impianto per il trattamento della dipendenza da oppiacei
  • un ATMP per la beta-talassemia
  • un medicinale per adulti che assumono anticoagulanti da utilizzare in caso di severa emorragia.

PRIME

Tra i farmaci che hanno seguito un percorso accelerato (PRIME), c’è il primo vaccino per l’immunizzazione attiva di soggetti adulti a rischio di infezione da Ebola (Ervebo).

Autorizzazione condizionale

Otto medicinali hanno ricevuto una raccomandazione per un’autorizzazione condizionale, una delle possibilità che permette ai pazienti l’accesso anticipato a nuovi farmaci.
Poiché questi medicinali rispondono a esigenze mediche insoddisfatte, l’autorizzazione condizionale consente l’approvazione precoce sulla base di dati clinici meno completi di quelli normalmente richiesti. Queste autorizzazioni sono soggette all’obbligo di generare dati completi post-autorizzazione.
Tra questi vi sono:

  • 3 farmaci per la cura del cancro
  • un medicinale cardiovascolare
  • un farmaco per la beta-talassemia
  • un medicinale per il linfoma b-cell refrattario
  • il vaccino per l’Ebola
  • un farmaco per la FCS (sindrome chilomicroanemia)

Circostanze eccezionali

Un farmaco è stato autorizzato in circostanze eccezionali, un percorso che consente ai pazienti l’accesso a medicinali che non possono essere approvati con un’autorizzazione standard in quanto non è possibile ottenere dati esaurienti. Questi medicinali sono soggetti a specifici obblighi di monitoraggio post-autorizzazione.
Il medicinale in questione è il Dectova, utilizzato per trattare influenze complicate e potenzialmente letali causate dal virus dell’influenza A o B negli adulti e bambini dai 6 mesi di età.

Farmaci orfani

Nel 2019 sono stati approvati 7 medicinali orfani destinati alla cura di malattie rare quali la sindrome di Cushing, leucemia mieloide acuta, fenilchetonuria, beta-talassemia, sindrome di Lennox-Gastaut…

Estensioni d’uso

Nel 2019 sono state approvate anche 60 estensioni d’uso. L’estensione dell’uso di un medicinale già autorizzato può offrire nuove opportunità di trattamento per i pazienti.

Pareri negativi

Il comitato per i prodotti medici ad uso umano ha adottato un parere negativo per quattro medicinali. Quando il Comitato non è in grado di raggiungere un accordo positivo sul rapporto rischio-beneficio di un medicinale, emette un parere negativo sulla domanda di autorizzazione.

Attività di farmacovigilanza

Una volta che un farmaco è stato autorizzato, l’EMA e gli Stati membri dell’UE monitorano costantemente la qualità e il rapporto rischio/beneficio del medicinale utilizzato nella vita reale.
Questo per ottimizzare l’uso del medicinale da parte dei pazienti, ottenere il massimo beneficio e proteggere i pazienti da effetti collaterali evitabili.

La sezione “Keeping medicines safe” contiene un riassunto delle attività di farmacovigilanza condotte dall’EMA nel 2019.


Fonte

Human medicines highlights 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.