Qualifica dei fornitori di materie prime e API: quali sono i riferimenti normativi?

La qualifica dei fornitori è un requisito essenziale presente in diverse normative, tra cui le EU GMP. Vediamo quali sono i riferimenti e cosa prevedono.

Riferimenti normativi

  • EU GMP: Parte I Cap5.27, 5.28, 5.29
  • EU GMP: Parte II Cap 7
  • DIRETTIVA 2011/62/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO
  • ICHQ10: Cap.2.7
  • APIC: Supplier Qualification & Management Guideline
  • US GMP: Draft Guidance on Quality Agreement (2016)

EU GMP Parte I

I primi riferimenti si trovano nelle EU GMP Parte I. Il capitolo 5 prevede che la selezione, la qualifica, l’approvazione e il mantenimento dei fornitori di materie prime siano documentati. Il livello di supervisione deve essere proporzionato al rischio.
Nel caso non sia possibile acquistare direttamente la materia prima dal produttore, ci si deve rivolgere ad un fornitore qualificato.

Selection, qualification, approval and maintenance of suppliers of starting materials, should be documented as part of the pharmaceutical quality system.
The level of supervision should be proportionate to the risks posed by the individual materials, taking account of their source, manufacturing process, supply chain complexity and the final use to which the material is put in the medicinal product.
Staff involved in these activities should have a current knowledge of the suppliers, the supply chain and the associated risks involved.
Where possible, starting materials should be purchased directly from the manufacturer of the starting material.[5.27]

I requisiti di qualità stabiliti dal produttore per la materia prima devono essere discussi e concordati con il fornitore. Tutti gli aspetti della produzione devono essere documentati in un quality agreement.

The quality requirements established by the manufacturer for the starting materials should be discussed and agreed with the suppliers.
Appropriate aspects of the production, testing and control, including handling, labelling, packaging and distribution requirements, complaints, recalls and rejection procedures should be documented in a formal quality agreement or specification.[5.28]

Le GMP Parte I prevedono anche la completa tracciabilità e verifica della supply chain.
Devono essere effettuati audit al produttore e al distributore per confermare la compliance alle GMP/GDP. Devono essere previsti audit periodici sulla base del rischio.

Supply chain traceability should be established and the associated risks, from active substance starting materials to the finished medicinal product, should be formally assessed and periodically verified.
Audits should be carried out at the manufacturers and distributors of active substances to confirm that they comply with the relevant good manufacturing practice and good distribution practice requirements. The holder of the manufacturing authorisation shall verify such compliance either by himself or through an entity acting on his behalf under a contract.
Further audits should be undertaken at intervals defined by the quality risk management process to ensure the maintenance of standards and continued use of the approved supply chain.[5.29]

Per quanto riguarda i fornitori di eccipienti, questi devono essere controllati sulla base del risk assessment.

Excipients and excipient suppliers should be controlled appropriately based on the results of a formalized quality risk assessment in accordance with the European Commission ‘Guidelines on the formalised risk assessment for ascertaining the appropriate Good Manufacturing Practice for excipients of medicinal products for human use.

DIRETTIVA 2011/62/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Anche la direttiva UE 2011/62 prevede che il titolare AIC verifichi la compliance dei fornitori alle GMP effettuando audit presso i siti.

Il titolare dell’autorizzazione di fabbricazione verifica che il fabbricante e i distributori di sostanze attive si attengano alle buone prassi di fabbricazione e alle buone prassi di distribuzione effettuando verifiche presso i siti di fabbricazione e di distribuzione del fabbricante e dei distributori di sostanze attive.
Il titolare dell’autorizzazione di fabbricazione garantisce che gli eccipienti siano idonei all’impiego nei medicinali accertando quali siano le buone prassi di fabbricazione appropriate.

EU GMP Parte II (API)

Le GMP Parte II sono dedicate alla produzione di API. Anche in questo caso è previsto che il produttore valuti e qualifichi i fornitori di materiali critici.

Manufacturers of intermediates and/or APIs should have a system for evaluating the suppliers of critical materials.[7.11]
Materials should be purchased against an agreed specification, from a supplier or suppliers approved by the quality unit(s). [7.12]
If the supplier of a critical material is not the manufacturer of that material, the name and address of that manufacturer should be known by the intermediate and/or API manufacturer. [7.13]
Changing the source of supply of critical raw materials shoul be treated according to change control. [7.14]

At least one test to verify the identity of each batch of material should be conducted with the exception of the materials described below in 7.32. A supplier’s Certificate of Analysis can be used in place of performing other tests, provided that the manufacturer has a system in place to evaluate suppliers. [7.30]
Supplier approval should include an evaluation that provides adequate evidence that the manufacturer can consistently provide material meeting specifications. Full analyses should be conducted on at least three batches before reducing in-house testing. However, as a minimum, a full analysis should be performed at appropriate intervals and compared with the Certificates of Analysis. Reliability of Certificates of Analysis should be checked at regular intervals. [7.31]

ICH Q10

Anche nell’ICH Q10 Pharmaceutical Quality System si delineano le responsabilità e si richiedono il monitoraggio e la verifica delle prestazioni dei fornitori.

Il Sistema di Qualità dovrebbe includere appropriati processi, risorse e responsabilità per garantire la qualità delle attività affidate a terzi e l’approvvigionamento dei materiali.
L’azienda farmaceutica è in ultima analisi responsabile di assicurare i processi per garantire il controllo delle attività in conto terzi e la qualità dei materiali acquistati. Questi processi dovrebbero includere:

a. valutazione della adeguatezza e competenza dell’altra parte di eseguire l’attività o di fornire il materiale richiesto utilizzando la supply chain stabilita (es., audit, valutazione dei materiali, qualificazione).

b. definizione delle responsabilità e dei processi di comunicazioneper gli aspetti qualitativi delle parti coinvolte. Per le attività in conto terzi, questo dovrebbe essere incluso in un accordo scritto tra il committente ed il terzista.

c. monitoraggio e verifica delle prestazioni del terzista o la qualità dei materiali forniti e l’identificazione e la realizzazione di ogni miglioramento.

APIC:Supplier Qualification & Management Guideline

Anche l’APIC, nella sua linea guida sulla qualifica e gestione dei fornitori richiede che tutti i fornitori di materiali utilizzati nella produzione di API e prodotti medicinali siano identificati, selezionati, approvati e qualificati. L’intera supply chain deve essere valutata e qualificata.

The quality system requires to identify, select, approve and qualify suppliers of all materials used in the manufacture of APIs and medicinal products.
Manufacturers of medicinal products, APIs and registered intermediates for APIs are responsible for approving and qualifying their suppliers and to monitor on an ongoing basis the performance of their critical suppliers.
Inspectors will also expect that the distribution and supply chains have also been evaluated.
The entire supply chain from the manufacturer of an API, registered intermediates or critical raw material to the customer should be assessed and qualified.
After the approval of a new supplier, a periodic evaluation should be performed.

Conclusione

Le normative e le linee guida prevedono che:

  • i fornitori di materie prime e API siano qualificati
  • la supply chain sia tracciata e verificata
  • la compliance dei fornitori sia monitorata e periodicamente verificata
  • la frequenza delle verifiche ai fornitori sia definita sulla base del rischio
  • vi sia un quality agreement tra committente e fornitore che delinei chiaramente le responsabilità, i requisiti di qualità richiesti e tutti gli aspetti della produzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *