WHO: pubblicato il Technical Report Series 1025

Il WHO Expert Committee on Specifications for Pharmaceutical Preparations si incontra annualmente e i report degli incontri includono tutte le linee guida adottate in forma di Annex.
Il Technical Report Series 1025 (2020) adotta e raccomanda diverse linee guida:

Quality Assurance – GMP

  • Produzione di WFI con mezzi diversi dalla distillazione (Annex 3)
    Il comitato sottolinea che il documento deve essere integrato nella linea guida WHO “Water for pharmaceutical use”.
  • Good chromatography practices (Annex 4)
  • Elementi da considerare per i produttori e gli ispettori: aspetti ambientali della produzione per la prevenzione della resistenza microbica (Annex 6)

Quality Assurance – Distribution and supply chain

  • Good storage and distribution practices for medical products (Annex 7)
  • Elementi da considerare per gestire i prodotti in scadenza al momento della consegna (Annex 8)

Il Technical Report riassume ed interpreta i risultati dell’incontro svoltosi ad ottobre 2019 a Ginevra. Le linee guida sono elencate in forma di Annex e saranno pubblicate sul sito del WHO quanto prima.


Fonte

TRS 1025

COVID-19: gestire i change temporanei nel Sistema Qualità

La Commissione Europea, l’EMA e l’HMA hanno aggiornato il Q&A document sulle aspettative regolatorie per i medicinali durante la pandemia di COVID-19. All’ultima revisione del documento è stata aggiunta la sezione Additional temporary GMP and GDP flexibility.

In questa nuova sezione si fa riferimento alla possibilità di implementare change temporanei per alcune attività programmate legate alla qualità (§6.3).
Questi change sono possibili affinché il reindirizzamento di risorse permetta di concentrarsi sulla fornitura di farmaci critici.
Se opportunamente giustificati, questi change temporanei possono applicarsi al differimento di operazioni routinarie quali:

  • manutenzione, riqualifica, riconvalida, ricalibrazione
  • revisione periodica di documenti
  • audit on site di fornitori
  • retraining periodico del personale
  • test di stabilità.

Tuttavia il documento chiede che:

  • i change non impattino negativamente sulla qualità, l’efficacia o la sicurezza dei prodotti.
  • siano gestiti e documentati in modo trasparente all’interno del Sistema Qualità.
  • si utilizzi un approccio basato sul rischio.
  • la QP sia informata.
  • i change non siano utilizzati per facilitare l’approvazione di un lotto non conforme.

Fonte:

QUESTIONS AND ANSWERS ON REGULATORY EXPECTATIONS FOR MEDICINAL PRODUCTS FOR HUMAN USE DURING THE COVID-19 PANDEMIC

Effective Change Management System

A chi si rivolge

Il corso è progettato per tutto il personale coinvolto nelle fasi del processo di Change Control.
Sarà utile anche alle figure che possono contribuire a migliorarne la gestione operando in produzione, QC, QA o regolatorio. 

Programma

Il sistema di gestione dei cambiamenti dovrebbe essere parte integrante del sistema di gestione della qualità di ogni azienda operante nel campo farmaceutico, cosmetico e di produzione di principi attivi al fine di evitare che si verifichino cambiamenti inappropriati o non ottimali per la qualità del prodotto.
Affinché si riesca a beneficiare delle modifiche, il processo di Change Control deve realizzarsi in modo fluido ed efficace, ed è di grande importanza saper riconoscere e valutare tutti gli aspetti di rilievo che possono impattare sul processo e/o prodotto.

Alla luce degli approcci descritti nell’ICH Q10, la moderatrice presenterà tutti gli aspetti più rilevanti del processo di Change Control, dalle fasi iniziali di apertura fino alla considerazione delle possibili implicazioni regolatorie.
Le presentazioni saranno ricche di esempi concreti.

Si ricorda che le iscrizioni chiudono 7 giorni lavorativi prima dell’evento

OBIETTIVI

  • Confrontarsi su come assegnare la giusta classificazione del change.
  • Implementare e/o migliorare il sistema di Change Control in essere.
  • Approfondire la conoscenza dell’intero processo dall’apertura fino all’implementazione alle richieste regolatorie.

PRINCIPALI ARGOMENTI IN AGENDA

  • Perché gestire i cambi
  • Le Norme e le aspettative delle autorità EU/US
  • Il processo di Change Management System
  • Le funzioni coinvolte
  • La valutazione dei cambi
  • Quality Risk Management applicato alla valutazione dei cambi
  • Accenni alle implicazioni regolatorie
  • Domande e discussione delle principali problematiche sollevate dai partecipanti
laboratorio

Le cGMP nel Laboratorio QC

A chi si rivolge

Il corso è pensato per tutte le figure professionali che operano all’interno del Laboratorio Controllo Qualità e della R&D: analisti, supervisori e responsabili delle diverse aree.

Programma

L’incontro di una giornata fornirà ai partecipanti le competenze indispensabili per condurre, verificare e gestire in modo efficace tutti i controlli analitici necessari per verificare la qualità del prodotto finale e la sua corrispondenza alle specifiche del dossier di registrazione.

Il docente approfondirà con esempi l’interpretazione dei requisiti GMP vigenti e le best practice relative alla gestione di campioni/ reagenti/ standard, strumentazione, dati analitici e documentazione GMP.

L’analisi delle maggiori problematiche del settore segnalate dalle Autorità alle aziende attraverso FDA-483 e Osservazioni arricchirà l’esposizione teorica e fornirà utili spunti di discussione e confronto.

Si ricorda che le iscrizioni chiudono 7 giorni lavorativi prima dell’evento

OBIETTIVI:

  • Approfondire le best practice per i principali processi del Lab QC
  • Trovare soluzioni alle maggiori problematiche del settore
  • Individuare con spirito critico punti di miglioramento nell’organizzazione del laboratorio.

PRINCIPALI ARGOMENTI IN AGENDA:

  • I requisiti GMP
  • A spasso nel laboratorio con l’ispettore
  • La qualifica del personale
  • La gestione dei campioni analitici
  • La gestione di reagenti, std di riferimento e reference std
  • La gestione degli strumenti
  • Good Documentation Practice nel laboratorio QC
  • Documentare le analisi
  • La documentazione elettronica: Annex 11 & 21 CFR part 11
  • Il Change Control
  • La gestione di Non Conformità
  • Domande e discussione delle principali problematiche suggerite dai partecipanti

La documentazione di produzione: SOP, Batch Record e Logbook

A chi si rivolge

Il corso è stato sviluppato per il personale coinvolto nella stesura, compilazione e verifica della documentazione di produzione: operatori e responsabili di produzione, QA e QC.

Programma

Lo sviluppo di un efficace Sistema di Gestione della Qualità si basa sulla capacità di sviluppare una documentazione snella, incisiva, che sia un reale riferimento per il personale.

Il corso sarà l’occasione in cui condividere e discutere le best practice per sviluppare Procedure Operative Standard (SOP) e Master Batch Record (MBR) chiari e strutturati in modo da agevolarne la lettura e la consultazione da parte degli utilizzatori finali.

Attraverso numerosi esempi ed esercitazioni, la docente suggerirà ai partecipanti le migliori strategie per snellire, senza rinunciare all’accuratezza, il processo di revisione del BR, e ridurre quindi i tempi di rilascio del lotto.

Si ricorda che le iscrizioni chiudono 7 giorni lavorativi prima dell’evento

Obiettivi

  • Implementare l’efficacia delle SOP aziendali.
  • Sviluppare ed approfondite modalità di creazione e verifica di un BR “vivo” indispensabile per garantire la qualità del prodotto.
  • Apprendere come svolgere al meglio un’accurata revisione del BR e delle registrazioni di produzione.

Principali argomenti in agenda:

  • I requisiti GMP US e EU della documentazione
  • Come preparare documenti GMP in linea con le aspettative delle autorità e utili per l’azienda:
    • Le SOP di Produzione
    • Il Batch Record
    • Il Logbook degli strumenti
    • Altri documenti
  • La compilazione della documentazione
  • Deviazioni, anomalie e segnalazioni:
    • quali le differenze
    • come gestirle
  • Gestire correttamente la documentazione GMP
  • Ottimizzare la verifica del BR
  • Discussione

La qualifica in produzione: best practice ed esempi

A chi si rivolge

Il corso si rivolge a tutti coloro che all’interno di aziende farmaceutiche o similari sono implicati direttamente nelle attività di qualifica e gestione delle apparecchiature di produzione o nella verifica delle operazioni: ingegneri, tecnici e responsabili del gruppo di convalida, personale di produzione, personale e responsabili di QA e R&D.

Programma

La corretta installazione, l’utilizzo e il mantenimento delle macchine e delle linee di produzione sono attività cruciali per la realizzazione di una robusta convalida dei processi farmaceutici.

QS ripropone questo corso con l’obiettivo di illustrare ed approfondire i principi di qualifica e riqualifica delle apparecchiature di produzione chiarendone finalità e tempistiche per ottimizzarne l’efficacia.

Il corso fornirà ai partecipanti le conoscenze necessarie a sviluppare o ottimizzare un piano di qualifica e a realizzare la documentazione GMP utile per gestire e controllare al meglio le attività di qualifica.

Grazie all’esperienza sul campo e ai numerosi esempi presentati, il docente saprà trasferire le best practice che permetteranno alle aziende di raggiungere livelli ottimali di compliance GMP e di affrontare le ispezioni nel miglior modo possibile.

Si ricorda che le iscrizioni chiudono 7 giorni lavorativi prima dell’evento

Obiettivi

  • Approfondire le modalità di qualifica delle apparecchiature di produzione in linea con le nuove tendenze.
  • Apprendere come sviluppare un piano di qualifica adeguato e discutere i criteri di riqualifica.
  • Ottimizzare la gestione della documentazione di qualifica.

Principali argomenti in agenda

  • I requisiti GMP e le aspettative delle autorità
  • Definizioni            
  • Ciclo di vita GMP delle apparecchiature
  • Il processo di qualificazione: verifiche DQ, IQ, OQ, PQ
  • Come applicare i principi del Risk Management alla qualifica
  • Documentazione di qualificazione (protocollo e rapporto di qualifica) 
  • Esempi ed esercitazioni di qualificazione di apparecchiature ed ambienti a contaminazione controllata:
    • impianto di acqua purificata
    • mappatura T magazzino
    • reattore o miscelatore
    • locali a contaminazione controllata
  • Discussione


Qualità in farmacovigilanza per Quality Assurance

A CHI SI RIVOLGE

Il corso è dedicato al personale di Quality Assurance e Auditor che vogliano consolidare le proprie competenze, ma anche allo staff di Farmacovigilanza, inclusa la QPPV, interessati ad approfondire gli aspetti di qualità del proprio lavoro.

PROGRAMMA

La Farmacovigilanza svolge ormai un ruolo chiave dell’intero sistema farmaceutico: ufficio critico avente come obiettivo garantire la salute dei pazienti ed assicurare il corretto utilizzo dei farmaci, è il punto di ingresso degli Ispettori per valutare l’operato in tal senso dell’intera azienda Titolare AIC.

Quality Systems organizza un corso dedicato ai Quality Assurance impegnati nella Farmacovigilanza, mirato a sviluppare le competenze necessarie per supportare l’ufficio di Farmacovigilanza nel raggiungere il suo obiettivo, nel rispetto della normativa vigente.

In un contesto dinamico e interattivo, la docente, esperta di Farmacovigilanza e di Qualità per la Farmacovigilanza, affronterà gli aspetti più critici dell’attività, e darà risposta a tutti i dubbi dei partecipanti.

Si ricorda che le iscrizioni chiudono 7 giorni lavorativi prima dell’evento

PRINCIPALI ARGOMENTI IN AGENDA

  • Presentazioni ed introduzione al corso
  • Concetti di qualità e principi ISO
  • Aspetti di qualità “nascosti” nelle GVP: disamina delle attività principali, con esercitazioni e discussioni
  • Sessione Q&A
  • Questionario di verifica

GMP per il personale di QA: ottimizzare le attività garantendo la compliance

A chi si rivolge

Il corso è progettato per rispondere alle esigenze di personale e responsabili dell’Assicurazione Qualità di aziende farmaceutiche, cosmetiche, produttrici di API e di prodotti per terapie avanzate.

Programma

Attraverso le sue attività, il personale di QA garantisce la sicurezza e l’efficacia dei medicinali in commercio.
Affinché ciò accada, è necessario che i professionisti che operano in QA abbiano una conoscenza sempre aggiornata dell’interpretazione delle norme in vigore così da integrare efficacemente il Sistema di Gestione della Qualità.

La docente analizzerà i principali compiti affidati al QA approfondendo le best practice utili per l’ottimizzazione di processi fondamentali quali la gestione di deviazioni, cambi, reclami.
Non mancheranno utili raccomandazioni per la gestione delle risorse e per garantire un alto livello di compliance.

Il corso sarà di sicura utilità per sviluppare e/o migliorare uno gruppo QA forte, attivo e reattivo che sia una vera risorsa per l’azienda.

Si ricorda che le iscrizioni chiudono 7 giorni lavorativi prima dell’evento

OBIETTIVI

  • Analizzare in modo critico i processi di gestione di deviazioni, cambi, reclami…
  • Confrontarsi con i presenti e la docente su best practice e problematiche comuni.

PRINCIPALI ARGOMENTI IN AGENDA

  • Introduzione alle GMP e conformità alle GMP
  • L’organizzazione ed il personale
  • Ruoli e responsabilità della QA
  • La documentazione GMP
    • le procedure
    • le registrazioni
  • La gestione delle Non Conformità e delle CAPA in linea con ICHQ10
  • La gestione dei cambi
  • La gestione dei reclami
  • Il Product Quality Review
  • Le auto-ispezioni
  • Esercitazioni

Process Validation: requisiti e best practice

A chi si rivolge

L’evento è pensato per tutto il personale incaricato o responsabile dell’esecuzione, valutazione e verifica delle strategie ed attività di convalida di processo: manager e supervisioni di produzione, ingegneri, personale e responsabili di QA e QC.

Programma

Le attività legate alla convalida di processo sono operazioni critiche che richiedono un enorme impegno al fine di garantire la qualità del prodotto.
QS ha sviluppato il corso per fornire ai partecipanti un utile confronto tra gli approcci fino ad ora utilizzati e quelli introdotti dalle norme di recente pubblicazione.
Queste hanno infatti esteso il concetto di convalida di processo a tutto il ciclo di vita del farmaco e fanno riferimento ad un approccio scientifico e di analisi del rischio.

Il docente, di estrazione aziendale, darà concretezza alla teoria esposta portando case study utili a mettere a confronto le diverse modalità di convalida permesse.

Si ricorda che le iscrizioni chiudono 7 giorni lavorativi prima dell’evento

Obiettivi:

  • Approfondire le aspettative introdotte dalla pubblicazione delle nuove linee guida FDA ed EMA.
  • Chiarire i requisiti necessari a dimostrare una convalida
  • Comprendere i concetti grazie all’aiuto di case study 

Principali argomenti in agenda:

  • Perché la Process Validation?
  • Come convalidare un processo
  • Gli approcci “tradizionali”:
    – convalida concorrente e prospettiva
  • Riconvalida di processo
  • La documentazione GMP di convalida
  • Il nuovo panorama normativo:
    – Linea Guida EMA
    – Annex 15
    – Linea Guida FDA
  • Case study:
    – approcci tradizionali
    – approccio lifecycle

Design Qualification: requisito vs aspettative FDA

La Design Qualification (DQ) è un processo di verifica utile a garantire che l’impianto e le attrezzature progettate (partendo da VMP / URS / GAMP 5 / cGMP / ecc.) siano in grado di soddisfare i requisiti indicati nelle URS (User Requirements Specifications) e nel Validation Plan.

L’ICH Q7A definisce la DQ come la verifica documentata che il design proposto per un impianto, sistema o attrezzatura risponde allo scopo prefissato.
La medesima definizione si trova anche nella Commission of the European Communities Guide for GMP. Questo documento afferma che il primo elemento della convalida di un nuovo impianto, sistema o attrezzatura deve essere la Design Qualification.

Dunque la DQ è essenziale per la produzione farmaceutica.

Ma esiste un requisito FDA che richieda la Design Qualification? Al momento la risposta è no.
Esiste però un requisito nel 21 CFR 211.63 che richiede che le apparecchiature utilizzate in produzione abbiano una progettazione appropriata. Tuttavia non si fa alcun riferimento esplicito alla DQ.

Equipment used in the manufacture, processing, packing, or holding of a drug product shall be of appropriate design, adequate size, and suitably located to facilitate operations for its intended use and for its cleaning and maintenance.

21 CFR 211.63

Nella linea guida Process Validation del 1987 non si cita la Design Qualification e il termine non compare neppure nella nuova versione 2011 del documento.
Tuttavia in quest’ultimo si chiede di verificare la compliance alle specifiche di progettazione per gli impianti e le attrezzature istallate.

Verifying that utility systems and equipment are built and installed in compliance with the design specifications (e.g., built as designed with proper materials, capacity, and functions, and properly connected and calibrated).

FDA Process Validation Guidance for Industry (2011)

L’importanza della progettazione per FDA diventa però chiara se si prendono in esame le recenti Warning Letter.
Facendo riferimento al 21 CFR 211.63 FDA critica duramente le carenze legate alla progettazione con particolare attenzione ai tempi di inattività di un impianto, all’assenza di manutenzione, alle perdite e al rischio di biofilm.

Un esempio

Emblematico l’esempio di un’azienda indiana, la cui struttura non era stata progettata, mantenuta e monitorata in modo adeguato e dunque non garantiva la qualità della produzione.
In particolare gli impianti venivano spenti quando non in uso, non veniva fatta manutenzione da anni, la pulizia non era adeguata e l’impianto perdeva.

FDA ha chiesto, oltre alla riparazione delle perdite, un programma di manutenzione su base scientifica e un piano per risolvere i problemi di progettazione.

In conclusione, sebbene non ci siano requisiti espliciti riguardanti la Design Qualification all’interno del 21 CFR 211 nelle Guideline for Industry, la progettazione gioca un ruolo fondamentale per FDA.


Fonti e approfondimenti

Do you DQ? Design Qualification challenges and considerations, Official Journal of ISPE (2005)

ICH Q7A

FDA’s Warning Letter to Kumar Organic Products Limited